Musica

Eurovision 2021: vince il rock dei Måneskin

today23 Maggio 2021 48

Background
share close

Eurovision 2021: vince il rock dei romani Måneskin

A vincere la 65ª edizione dell’ Eurovision Song Contest sono i Måneskin, giovane band romana formatasi nel 2016.

È la terza volta che l’Italia vince l’Eurovision, dopo Gigliola Cinquetti nel 1964, e Toto Cutugno nel 1990.

Il più grande di loro ha appena 22 anni, ma i Måneskin – Damiano David (voce), Victoria De Angelis (basso), Thomas Raggi (chitarra), e Ethan Torchio (batteria) – hanno già accumulato un’esperienza tale da portarli a vincere il premio più importante del panorama musicale europeo.

In soli quattro anni i ragazzi sono passati dal suonare per le strade di Roma al Teatro Ariston, alla Rotterdam Ahoy Arena. Con il loro brano “Zitti E Buoni” – nonostante le censure al testo – hanno fatto tremare il palco dell’arena, trasmettendo un’energia insolita e nuova per gli standard del contest.

Durante le interviste che si sono tenute negli istanti successivi alla vittoria, i ragazzi hanno ringraziato i fans di tutto il mondo per il sostegno e l’amore ricevuto in questa settimana di contest. Cosí come durante il Festival di Sanremo, hanno sfoggiato sul palco look eccentrici e provocanti, esprimendo tramite il loro pezzo ideali di libertà, ribellione e menefreghismo nei confronti di coloro che non li hanno mai accettati. Sin dal loro esordio ad X-Factor nel 2017 si sono fatti strada nella scena rivoluzionando i canoni estetici e musicali, riportando il rock nei posti più alti delle classifiche e facendosi apprezzare sia da un pubblico di giovani che quello degli adulti.

I Måneskin sono il simbolo dell’anticonformismo in un’Europa che difficilmente riesce ad andare oltre le etichette “maschile” e “femminile”; i ragazzi indossano quotidianamente makeup e smalto facendo a pezzi gli stereotipi della società. Con i loro corsetti, body aderenti e determinazione, sono riusciti ad imporsi nel mondo della musica leggera e le ballate tipicche dell ESC vincendo contro ogni aspettativa.

Simbolo di innovazione in un’edizione caratterizzata da proposte prevalentemente elettroniche e pop, i Måneskin hanno sfondato con un genere che finora era stato apprezzato dagli spettatori dell’Eurovision soltanto nel 2006 con la vittoria della band metal Lordi. Molti sono stati gli artisti entusiasti per la loro vittoria, soprattutto i loro colleghi Blind Channel, concorrenti finlandesi che a loro volta hanno portato sul palco dell’Eurovision il rock. Tra i sostenitori dei Måneskin abbiamo visto durante la finale di ieri sera Amadeus, Manuel Agnelli loro mentore sin dai tempi di X-Factor, Vasco Rossi, Marco Mengoni, Fedez, Zucchero e Laura Pausini, ma anche artisti internazionali come Skin.

Nonostante i voti della giuria tecnica facessero pensare alla vittoria di Francia o Svizzera, la classifica si è ribaltata nel momento in cui sono stati annunciati gli esiti del televoto. Ancora una volta i Måneskin si sono riconfermati amati tra i giovani sui social che già durante i primi giorni del contest avevano espresso la loro preferenza per la band italiana.
Non solo vincitori del contest, ma anche del premio per il “Miglior Testo” in questa edizione.

“Rock’n’roll never dies” è stata la prima cosa che hanno urlato ritirando il premio sul palco dell’Ahoy Arena di Rotterdam.

Il 19 Marzo 2021 è uscito il loro secondo album “Teatro d’ira – Vol. I” composto da otto brani, che è subito salito in vetta alle classifiche.

La band ha inoltre annunciato il tour che inizierà il prossimo dicembre a Milano e Roma, e proseguirà per tutto il 2022.

Grazie alla vittoria dei Måneskin, l’edizione 2022 degli Eurovision Song Contest si terrà in Italia.

Per essere sempre aggiornati con le nostre pubblicazioni, seguiteci sulla nostra pagina FacebookInstagram o Twitter dove troverete le novità e le curiosità proposte settimanalmente da Musical Factory, ma non dimenticate la diretta 24 ore su 24!

Written by: Chiara

Rate it

Previous post

Franco Battiato

Attualità

Addio a Franco Battiato, genio della musica italiana

È morto Franco Battiato, il filosofo geniale della musica italiana Il cantautore sicialiano si è spento oggi nella sua residenza a Milo, da tempo era malato. Dopo una frattura al femore e al bacino aveva continuato a mostrarsi sui social ma non più in pubblico. Nato a Jonia il 23 marzo del 1945, ci ha lasciati all'età di 76 anni. La conferma è stata data dalla famiglia che ha comunicato […]

today18 Maggio 2021 8

Post comments (0)

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Musical Factory
Web Radio personale/amatoriale
Responsabile: Vanni Capuzzo

Licenza SIAE: 202100000462
Licenza SCF: 129/5/21
Tessera WRA: Wra-04-03/20-P

 Sede Legale
Via Zara 55, 36045
Lonigo (VI)

Ascoltaci con le tue app preferite

0%